giovedì 25 agosto 2011

Il Gutshaus Stellshagen, il bio-hotel tedesco

Una dimora patrizia dell'Ottocento, circondata da alberi secolari, fiori selvatici, laghetti e praterie. Per rigenerare il corpo e la mente, messi a dura prova dai lunghi mesi invernali, non c'è niente di meglio di una fuga a Stellshagen, un paesino della Germania settentrionale a due passi dal Mar Baltico. Ad attendere i visitatori, un castello biologico pensato per il benessere dei suoi ospiti.

Il Gutshaus Stellshagen è un bio-hotel dove le antiche filosofie orientali si fondono con la sapienza di contadini votati alle coltivazioni biologiche. La gamma di proposte per il relax è vastissima. Nel centro salutistico Tao i trattamenti esotici spaziano dai massaggi ayurvedici a quelli con olii tibetani o con pietre calde, dalle cure con erbe cinesi all'agopuntura. Non mancano i corsi di yoga e i trattamenti di bellezza con prodotti biologici, le consultazioni astrologiche, la meditazione e l'ipnosi, i corsi di pittura e QiGong, il training per il nordic walking e persino il lifestyle coaching.

Il rilassamento passa anche dalla Casa della sauna che si affaccia sul laghetto naturale, dal giardino con le fontane e dall'orto aromatico. E ovviamente dalla tavola: la cucina è vegetariana e organica, da assaporare al ristorante, nel piccolo bistrot o all'aperto, all'ombra degli alberi, con il canto degli uccelli a far da sottofondo musicale.

L'hotel si presta anche a piccole escursioni nelle campagne circostanti, approfittando delle bici elettriche messe a disposizione degli ospiti. A un paio di chilometri di distanza, nella periferia di Klutz, si incontra il castello di Bothmer, dimora settecentesca immersa in un grande parco e circondata da un fossato dove hanno trovato casa cigni e uccelli selvatici. Il Mar Baltico è ad appena 10 km, con i caffè sulla spiaggia, i negozi della promenade, i corsi di sub e le barche a vela. Il villaggio più vicino è Damshagen. Qui per rilassarsi si può visitare il museo delle conchiglie o partecipare al laboratorio per imparare a creare la carta dalle alghe. Se si vuol mettere alla prova la manualità è perfetto anche il paesino di Kussow, che ospita ricostruzione di un villaggio dell'età della pietra dove cimentarsi con la tessitura o la manifattura di un vaso. http://www.ansa.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...