venerdì 22 ottobre 2010

Costa Navarino, in Grecia

Non è ancora famosa come Santorini o Mykonos, ma ha tutte le carte in regola per diventare una destinazione da sogno: siamo in Grecia, in Costa Navarino, un tratto del Peloponneso sud occidentale, affacciato sul Mar Ionio.

I suoi paesaggi sono tra i più belli ed incontaminati del Mediterraneo: questa terra propone al turista, oltre al fascino di una natura incantevole, una storia millenaria e una serie di strutture turistiche e alberghiere a tutto comfort, ecosostenibili, progettate nel pieno rispetto dell’ambiente naturale.

Costa Navarino si trova nella regione di Messinia, è ben collegata ad Atene e alle capitali europee grazie al vicino aeroporto di Kalamata, ad appena 45 chilometri di distanza. Atene si trova a 270 chilometri, mentre il porto di Patrasso è a 200 chilometri di strada. La Messinia è una regione della Grecia ancora poco battuta dai circuiti del turismo di massa, ma offre una natura incantevole, incontaminata e ancora selvaggia; è molto ricca di attrattive culturali, palazzi e tombe a volta di epoca micenea, templi classici, chiese bizantine e castelli medievali. Questi edifici storici sono immersi in un paesaggio lussureggiante e dal clima temperato che ne fanno una destinazione ideale durante tutto l’arco dell’anno. A poca distanza si trovano alcuni siti Patrimonio Mondiale dell’Unesco, come l'antica città di Olimpia, Mystras e il Tempio di Apollo Epicurius, l’antica Messini, il Palazzo di Nestore e la città medievale di Monemvasia, meravigliosamente conservata.

Il mare è il grande protagonista di questa regione, con spiagge di sabbia, piccole isole e calette di acqua cristallina, nelle quali scoprire esemplari faunistici di grande interesse, come le tartarughe Caretta-Caretta, Non solo: questa zona è anche importante tappa per gli uccelli migratori ed offre agli amanti della natura interessanti possibilità di bird-watching. Le opportunità di praticare sport sono numerosissime e vanno dalle discipline acquatiche all'escursionismo via terra, al biking e al trekking, ma anche alla semplice esplorazione per visitare una chiesa, un castello o un monastero.

Costa Navarino è anche in prima linea nello sviluppo di nuovi progetti, tra cui il Navarino Environmental Observatory, dedicato allo studio del cambiamento climatico e del suo impatto sull'ambiente naturale nel Mediterraneo. Il centro è stato sviluppato in collaborazione con il "Bert Bolin Centre for Climate Change" dell'Università di Stoccolma, il "Centre of Environmental Health and Biophysics of the Biomedical Research Foundation" dell’Accademia di Atene e TEMES.

In Costa Navarino è anche possibile scoprire (o riscoprire) le antiche tradizioni locali, magari trascorrendo una giornata in compagnia dei pescatori del posto, oppure assaggiando i prodotti locali, in particolare olio e vino, che da sempre fanno parte del patrimonio dei sapori di questa regione.

Per conoscere al meglio questa terra è nato un nuovo insediamento turistico alberghiero, di grande comfort ma armoniosamente inserito nel paesaggio naturale, che offre ai turisti standard abitativi di alto livello, con un'architettura ispirata alle dimore tradizionali della regione di Messinia, realizzate con pietre naturali e motivi locali che si fondono armoniosamente con il paesaggio circostante. La prima parte di questo progetto di sviluppo turistico, Navarino Dunes, viene inaugurato nel maggio 2010 ed è situata su 130 ettari di morbide colline rivolte a occidente, presso ad una spiaggia lunga un chilometro. La seconda fase, Navarino Bay, collocata ad alcuni chilometri di distanza, sarà inaugurata nel 2012.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...