lunedì 8 febbraio 2010

Salar de Uyuni in Bolivia

"C’e' un luogo, nascosto da montagne alte fino a 5.000 metri, piatto e bianco; un luogo che quando piove diventa “lo specchio più grande del mondo”; un immenso lago senza traccia d’acqua, dove galleggiano, nel biancore di un sole troppo vicino, isole ricoperte di altissimi cactus, abitate da genti che non amano navigare. Esiste un luogo in cui le giornate scorrono senza altri rumori che il vento, la pioggia, e il passo leggero dei fenicotteri rosa che si muovono tra le lagune dai tanti colori: verde, rosso, azzurro. Esiste questo luogo; un deserto immenso, di solo sale, dove la vita non pare possibile, senza più punti di riferimento; dove perdersi puo voler dire smarrire la propria strada…per sempre."

“Come si può descrivere a parole l’incontro, a oltre tremila metri d’altezza sulle Ande, con i resti di un mare salato, che forse conobbe la nascita del mondo...chissa come vivono i turisti il momento in cui si affacciano su questo immenso lago, senza traccia d’acqua, interamente cristallizzato nel biancore del sale...questo e un luogo che non dovrebbe poter esistere, in cui ci si può perdere, smarrendo la rotta, come in un deserto...”
Miguel Angel Ruido, comunità indigena di Colchani – Bolivia



Il Salar de Uyuni è un enorme deserto di sale che, con i suoi 12.000 km², è la più grande distesa salata del mondo. È situato nei dipartimenti di Potosí e di Oruro, nei pressi della città di Uyuni, nell'altopiano andino meridionale della Bolivia, a 3.650 metri di quota.

Si stima che il Salar de Uyuni contenga 10 miliardi di tonnellate di sale di cui meno di 25.000 tonnellate vengono estratte annualmente. È formato approssimativamente da 11 strati con spessori che variano tra i 2 e 10 metri, lo strato superficiale ha un spessore di 10 metri. Rappresenta un terzo delle riserve di Litio del pianeta e importanti quantità di Potassio, Boro e Magnesio.

Circa 40.000 anni fa faceva parte del lago Minchin, un gigantesco lago preistorico. Quando il lago si prosciugò si formarono i due attuali laghi Poopó e Uru Uru e i due deserti salati Salar de Coipasa e il gigantesco Salar de Uyuni.

Secondo le leggende Inca nel deserto vi sono gli Ojos de Salar (occhi del deserto di sale) che inghiottivano le carovane. Si tratta di buchi nella superficie salata dai quali esce l’acqua sottostante che in certe condizioni di luce sono quasi invisibili diventando così pericolosi.(WIKIPEDIA)

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...